0245484129 - 3356051559

Tratto da

Sei ore della vita di Giulio

di Massimo Adolfo Caponeri

“I colori dell’azzardo contrapposti a quelli della sicurezza,

gli attraenti sapori della conquista,

la facile illusione del possedere e la suadente ebbrezza del lasciare,

del perdere, del buttar via.

Come un vortice di scintille,

come un’afa estiva priva di vento,

gli occhi di una mai sopita adolescenza incontrano abbagli di raggiungimento.

In un tepore d’inquietudine, 

il tenue incanto di un’apparenza,

o, chissà, di una somiglianza,

accende un lumeggiare di albeggianti promesse,

e turba le tranquille abitudini.

L’intangibilità di un idolo riverbera sulla credulità ingenua, 

come di fronte a un primo amore mai consumato.

La sua evanescenza traccia rivoli di incomprensione, 

ed eccita brame di possesso.

Luogo di raggiro e di falsità, 

luogo di contesa, 

quello in cui si adagia una relazione carica di bisogni di affermazione.

Solo molto tempo dopo l’alternarsi dei nomi,

solo allora,

in seguito a un lungo corteo di cadute e di riprese,

solo in tarda lontananza,

precipitano i convincimenti, affievoliscono le immagini.

Molte volte le sembianze più catturanti muoiono precocemente.

è la loro sepoltura a essere piuttosto tardiva.”

raffaele morelli

Sei ore della vita di Giulio la recensione di Raffaele Morelli

Info

www.camepsi.it

Share This